contachilometri-auto

Auto “schilometrate”: verifica online del contachilometri

4 Lug , 2017  

Recependo le norme più severe imposte dall’Unione europea, già dalla scorso mese l’Italia avrebbe dovuto mettere nero su bianco le nuove regole in materia di revisione auto. L’obiettivo è quello di garantire una maggiore sicurezza e consentire la circolazione solo ai veicoli che non costituiscono un pericolo, anche per l’ambiente. Questa svolta servirà a contrastare, tra gli altri, anche il fenomeno delle auto con il contachilometri taroccato.

 Verifica online del contachilometri: niente più frodi da chilometraggio

Presto entreranno in vigore regole più severe per chi revisiona le auto, soprattutto per i proprietari dell’auto, che saranno pienamente responsabili dello stato di efficienza della propria vettura. Infatti al momento della revisione verrà registrato anche il chilometraggio percorso dalle auto. Con questa informazione le frodi nella vendita delle vetture usate avranno quindi vita breve.

Dopo il controllo periodico dell’auto da parte dei centri autorizzati, verrà rilasciato un Certificato di revisione, che attesta non solo lo stato del mezzo, ma anche il chilometraggio. Questi dati saranno inseriti nel Portale dell’Automobilista e potranno essere consultati online da parte delle autorità, ma anche dai cittadini privati che intendono acquistare un’auto usata e vogliono mettersi al riparo dalle truffe.

Revisione auto: le nuove regole imposte dall’Unione Europea

Le scadenze sono rimaste immutate: il veicolo dovrà essere revisionato dopo 4 anni dall’immatricolazione e poi ogni 2 anni, mentre per i mezzi con più di 9 posti, i taxi e le ambulanze, la revisione si dovrà ripetere ogni anno. Le nuove norme mirano anche a garantire dei controlli di qualità e a prevenire ogni conflitto di interesse tra chi revisiona le auto e chi le ripara.

L’Unione Europea ha lasciato gli stati membri liberi di inasprire ulteriormente queste misure e prevedere controlli più serrati per le vetture incidentate, modificate o quelle che hanno superato i 160.000 chilometri. Sarà interessante osservare le scelte del legislatore.

Condividi
Share on FacebookTweet about this on TwitterGoogle+

Auto,SAPEVI CHE

, , , ,


Ci trovi anche su