telepass

Il Telepass diventa una moneta virtuale

21 Set , 2017  

Telepass si evolve e si trasforma in un metodo di pagamento per una grande varietà di servizi, dal rifornimento di carburante al car sharing, dai trasporti pubblici al bollo auto. Il nuovo circuito di pagamento si chiama Telepass Pay e già a partire da luglio 2017 è possibile usarlo in ben 160 stazioni di servizio in autostrada.

L’evoluzione di Telepass

Telepass è nato come un metodo per pagare rapidamente il pedaggio autostradale e da subito ha riscosso un grande successo tra gli automobilisti. Man mano il servizio ha iniziato ad ampliarsi e i titolari del dispositivo hanno potuto usarlo anche per pagare i parcheggi (in particolare quelli aeroportuali ma non solo) e l’accesso a zone a traffico limitato, come l’area C di Milano.

Entro la fine del 2017 Telepass farà un salto di qualità con il nuovissimo Telepass Pay, un circuito di pagamento dedicato agli automobilisti per pagare senza usare i contanti diversi servizi, sia in ambito autostradale che fuori. La nuova società che si occuperà di questo settore sarà Telepass Pay SpA, controllata interamente da Telepass SpA.

Telepass Pay, la moneta virtuale al servizio degli automobilisti

Già da luglio 2017 è possibile pagare il pieno usando Telepass Pay in 160 aree di servizio presenti in autostrada, ma l’evoluzione di Telepass non si ferma qui perché entro la fine dell’anno saranno attivati altri servizi. Grazie ad un’app dedicata, si potrà usare questa moneta virtuale anche per il carburante in modalità self service e per il parcheggio nelle strisce blu.

A partire da ottobre 2017 si potranno pagare taxi, mezzi pubblici, i servizi di car sharing, la tassa di proprietà dei veicoli e anche le multe. La buona notizia è che fino alla fine del 2017 non saranno addebitati costi per il servizio Telepass Pay, ma solo a partire dal 2018.  I costi per gli automobilisti dipenderanno dal contratto stipulato e saranno invece pari a zero per i clienti Telepass Premium.

Come funziona il servizio Telepass Pay

Si potrà pagare il rifornimento di carburante o attraverso il dispositivo Telepass o attraverso l’app per smartphone dedicata: Pyng+. Occorre verificare sempre se la stazione di rifornimento è convenzionata per il pagamento con Telepass Pay, dopodiché se si sceglie il ‘Servito’, ci si potrà rifornire senza scendere dall’auto, sarà il benzinaio a caricare telematicamente l’addebito direttamente sul nostro Telepass; se si sceglie un rifornimento ‘Self-service’, invece si pagherà attraverso lo smartphone (app Pyng+) e a rifornimento compiuto si riceverà un SMS con la notifica dell’addebito.

Condividi
Share on FacebookTweet about this on TwitterGoogle+

Auto,SAPEVI CHE

, , ,


Ci trovi anche su