green mobility

Il primo giro del mondo su auto elettrica ha fatto tappa a Milano

12 Nov , 2016  

Nacque dalla fantasia letteraria di Jules Verne: il giro del mondo in 80 giorni più che un semplice romanzo è considerato ancora un simbolo molto evocativo della potenza del viaggio e un passo fondamentale verso la modernità. Seguendo l’esempio dei protagonisti del romanzo di Verne, qualche mese fa un equipaggio cinese con la passione per l’ambiente ha voluto attualizzare quel simbolo, declinandolo in salsa green: la scommessa è consistita in un viaggio intorno al mondo, della durata di 80 giorni, a bordo di un’auto elettrica.

L’impresa da Guinness

Entrato nel Guinness, il primo giro del mondo in 80 giorni compiuto su un’auto elettrica ha percorso 25.000 km, attraversato 20 paesi e 3 continenti. Il senso ultimo è stato di quello di lanciare un messaggio al governo cinese, tra i primi paesi al mondo in quanto a inquinamento atmosferico. Infatti, la scelta di un’auto elettrica a zero emissioni è servita a riportare l’attenzione sui danni provocati all’ambiente anche dai gas di scarico delle auto che, insieme a quelli delle industrie, rendono il cielo di Pechino eternamente plumbeo. L’impresa del giro è stata condotta da un team cinese, che ha progettato e guidato la spedizione, ma ha coinvolto altri 10 team di 8 nazionalità diverse.

Una tappa a Milano

Il giro del mondo in 80 giorni su auto elettrica ha fatto tappa anche in Italia e precisamente a Milano, nel quartiere Isola, sotto al Bosco Verticale. La scelta è ricaduta su questo luogo altamente simbolico perché qui si trova il primo grattacielo ‘green’, un’icona molto apprezzata anche in Cina e un segno tangibile per lavorare sulla riduzione dell’inquinamento anche attraverso scelte architettoniche d’avanguardia. Per l’occasione, ad accogliere il passaggio del giro c’era l’architetto milanese Stefano Boeri che ha progettato il Bosco Verticale e che ha stretto la mano ai membri dell’equipaggio cinese, nella speranza che incontri come questo possano servire a una cooperazione su larga scala nell’impegno sui temi ambientali.

Condividi
Share on FacebookTweet about this on TwitterGoogle+

SAPEVI CHE

, , ,


Ci trovi anche su