Smartphone al volante: un’app rivela il rischio

6 Apr , 2018  

Usare lo smartphone alla guida è un pericolo spesso sottovalutato dagli automobilisti. Basta un attimo di distrazione al volante per causare un incidente stradale. Come se non bastasse, questa abitudine difficile da sradicare può costare caro anche portafogli, facendo alzare il premio assicurativo.

Una compagnia assicurativa statunitense è corsa ai ripari e in questa battaglia contro le distrazioni al volante ha chiesto aiuto proprio a lui, lo smartphone. Sarà un’applicazione a controllare se e quando il cellulare viene usato alla guida.

L’app intelligente che aiuta gli automobilisti a essere più virtuosi

Da alcune ricerche è stato scoperto che l’abitudine di usare lo smartphone alla guida ha un costo non indifferente. Per gli automobilisti indisciplinati le compagnie assicurative americane spendono il 160% in più rispetto a conducenti che non usano il telefono al volante.

E se fosse lo stesso smartphone a controllare se il conducente è distratto al volante? Devono aver pensato proprio questo gli sviluppatori che hanno messo a punto un’app in grado di rivelare il pericolo.

Come funziona l’app che segnala il pericolo

L’applicazione è dotata di due sensori che sono in grado di rilevare dove si trova il dispositivo e come viene utilizzato. Il giroscopio permette di stabilire quando lo smartphone si trova nel portaoggetti, in tasca o in mano, mentre l’accelerometro e il GPS rilevano la velocità.

Incrociando i dati dei due sensori, diventa facile capire quando il telefono si trova in mano al conducente durante la marcia. Superata una certa velocità, l’app si attiva in automatico e segnala il pericolo.

Perché l’app sia perfettamente funzionante, è necessario il consenso del cliente per motivi di privacy. Visto che la posta in gioco è molto alta, non è escluso che siano gli stessi automobilisti a chiedere di poter utilizzare l’applicazione, in modo da salvaguardare la propria incolumità e quella degli altri utenti della strada.

Condividi
Share on FacebookTweet about this on TwitterGoogle+

SAPEVI CHE

, , , , , ,


Ci trovi anche su