Quando cambiare le gomme invernali

5 Mar , 2019  

Ecco cosa dice la legge sul cambio gomme invernali: le date da rispettare, le sanzioni previste e l’obbligo di cambiare gli pneumatici invernali d’estate.

Con l’arrivo della bella stagione, le gomme invernali non sono più necessarie e arriva il momento di passare ad un nuovo treno di gomme indicate per l’estate. Il cambio degli pneumatici invernali permette non solo di avere delle performance eccellenti in ogni stagione, ma protegge anche dal rischio di sanzioni pesanti, che possono arrivare anche al ritiro della carta di circolazione.

In alcuni casi, le gomme invernali si possono usare anche d’estate (anche se non è consigliabile) mentre, in alcune ipotesi, l’utilizzo dello stesso treno di pneumatici è vietato dalla legge. Per evitare di incorrere in sanzioni, questa guida ti aiuterà a capire quando è il momento di mettere in soffitta le gomme invernali.

Le date da conoscere per montare i pneumatici adatti nella stagione estiva

Scopri quando sono previste le multe, il ritiro del libretto e l’obbligo di revisione del veicolo

Ecco quando scatta il divieto di gomme invernali in estate e quali sono le relative sanzioni


Quando si cambiano le gomme invernali

L’utilizzo delle gomme invernali è disciplinato da apposite Ordinanze, che prevedono l’obbligo di dotarsi di un pneumatico adatto alle condizioni climatiche tipiche dell’inverno. Il ghiaccio, il fango e ogni fiocco di neve mettono a dura prova l’aderenza al suolo, solo le gomme da neve garantiscono una sicurezza superiore per tutti gli automobilisti.

Infatti, quando la temperatura scende diventa difficile affrontare l’asfalto bagnato con delle normali gomme estive, perché gli spazi di frenata si allungano e la cattiva tenuta su strada rende la circolazione difficoltosa.

Anche per il 2019 scatta l’obbligo del montaggio di gomme adatte all’inverno dal 15 novembre al 15 aprile, sia nei centri abitati che in montagna. In alternativa, nella stagione invernale la marcia su strade e autostrade è consentita con mezzi antisdrucciolevoli, come le catene a bordo della vettura.

Il proprietario dell’auto deve quindi affrontare dei costi per adeguarsi alla normativa e alle disposizioni del Codice della Strada. Ad ogni cambio di stagione, infatti, bisogna recarsi dal gommista per le sostituzioni necessarie.

Qualche conducente per risparmiare si lascia tentare dall’idea di non montare degli pneumatici estivi, ma lasciare le gomme termiche anche durante la bella stagione può essere una cattiva idea.

Si tratta di una pratica che si sconsiglia vivamente per diverse ragioni, a partire dalle motivazioni di ordine pratico. La differenza di temperatura legata al cambio stagionale provoca delle variazioni anche sulla pressione delle gomme, con conseguenze potenzialmente dannose.

Degli pneumatici troppo gonfi, si consumano troppo nella parte centrale, mentre delle gomme sgonfie avranno un maggior consumo sul bordo. In entrambi i casi la durata delle gomme dell’auto si riduce e si rischia di spendere molto di più di quanto si dovrebbe.

Per questo motivo al termine della stagione fredda e secondo le indicazioni normative, a partire dal 16 aprile le gomme invernali andrebbero messe in garage per lasciare il posto a quelle estive, che hanno caratteristiche idonee alla stagione.

Quali sono le sanzioni

Chi viaggia con degli pneumatici non adatti, è punito con una multa da 85 a 1.695€ e anche con il ritiro del libretto di circolazione. Tanta severità è giustificata dalla necessità di garantire le condizioni di sicurezza sulle strade, indipendentemente dalle condizioni atmosferiche.

Nella carta di circolazione dei veicoli è indicata la sigla corrispondente al tipo di gomma da montare e sulle ruote ci dev’essere lo stesso pittogramma o marcatura. Solo in questo modo si ha la certezza di viaggiare con gli pneumatici corretti per la stagione.

I controlli sulle ruote da parte della polizia stradale sono sempre più frequenti, sia nel periodo invernale che in quello estivo. Queste verifiche non valutano solo la corrispondenza delle gomme montate con quelle indicate sul libretto di circolazione, ma hanno anche lo scopo di verificare le condizioni generali delle gomme.

Infatti, gli pneumatici non devono essere deteriorati e il loro consumo deve essere uniforme su tutta la superficie del battistrada. Negli pneumatici invernali le lamelle dei tasselli devono essere tali da consentire di intrappolare la neve, in modo da evitare ogni forma di slittamento o acquaplaning.

Inoltre, il battistrada deve avere uno spessore di almeno 1,6 mm e non deve presentare fori, deformazioni o tagli. Prima di mettersi alla guida, il conducente dovrebbe occuparsi della manutenzione delle ruote e fare una verifica sullo stato delle gomme, così da viaggiare sempre in sicurezza.

Obbligo cambio gomme invernali d’estate

In alcuni casi, l’utilizzo di gomme invernali durante la bella stagione viene punito con le stesse sanzioni che abbiamo visto a proposto degli pneumatici non idonei. Si tratta in particolare degli pneumatici che sono indicati con la sigla M+S, dove M sta per mud (fango) e S per snow (neve).

Queste gomme hanno una caratteristica che li distingue dalle altre e cioè hanno un codice di velocità inferiore a quella indicata nella carta di circolazione.

Normalmente le prestazioni delle gomme devono essere pari o addirittura superiori rispetto a quanto indicato sul libretto, ma il legislatore ha previsto una deroga alla regola generale solo per le gomme M+S e solo dal 15 ottobre al 15 maggio.

A partire dal 16 maggio questa tipologia di pneumatico non è più consentita e il suo utilizzo espone il conducente a multe fino a 1.682€, al ritiro della carta di circolazione e all’obbligo di sottoporre il veicolo a revisione.

Quando l’utilizzo di gomme non idonee in città configura anche guida pericolosa sono previste delle ulteriori sanzioni pecuniarie oltre alla decurtazione di 5 punti della patente.

Per evitare queste conseguenze, è quindi sufficiente provvedere al cambio gomme prima della metà del mese di maggio e montare pneumatici che possano supportare una velocità massima pari o superiore a quanto indicato sul libretto.

Scopri subito quanto puoi risparmiare sulla polizza auto: è veloce e senza impegno

Condividi
Share on FacebookTweet about this on Twitter

Codice della strada


Ci trovi anche su
Linear Assicurazioni, società di Unipol Gruppo Finanziario S.p.A., P.IVA 04260280377