Lucidatura auto a mano o con lucidatrice: consigli

5 Gen , 2022  

Come mantenere la carrozzeria lucida, rimuovendo impurità e imperfezioni con i prodotti giusti

Una lucidatura professionale dell’auto ne migliora l’aspetto generale, corregge piccoli danni e aumenta il livello di protezione della carrozzeria dagli agenti aggressivi. La lucidatura elimina difetti e imperfezioni, restituisce brillantezza al colore della carrozzeria e fa parte a pieno titolo della manutenzione del veicolo, contribuendone a mantenere il valore di mercato. Servono gli strumenti giusti e alcune tecniche di base per eliminare lo sporco, e per garantire un risultato estetico realmente protettivo della verniciatura. Vediamo come procedere in modalità “fai da te”, senza necessariamente ricorre ad un’officina.

Cos’è la lucidatura auto e a cosa serve
Un servizio per ripristinare la brillantezza della carrozzeria, su una superficie liscia e omogenea

Ogni quanto fare la lucidatura dell’auto
Ogni sei mesi bisognerebbe provvedere a lucidare e proteggere la carrozzeria

Consigli sulla lucidatura auto a mano
Servono almeno tre ore di lavoro, pazienza e i prodotti giusti

Consigli sulla lucidatura auto con lucidatrice
Le lucidatrici distribuiscono omogeneamente il polish, risparmiando tempo e fatica


Cos’è la lucidatura auto e a cosa serve

La lucidatura dell’auto serve a ripristinare la brillantezza della carrozzeria e a proteggere la vernice che ricopre i fogli di lamiera di cui è fatta la parte esterna della vettura. I vari strati di colore sono a loro volta protetti da un sottile film trasparente che protegge la vernice dall’azione degli agenti atmosferici, mantenendone la lucentezza. L’obiettivo della lucidatura è di rimuovere anche eventuali imperfezioni che sono causa di opacità e perdita di brillantezza, ottenendo la rigenerazione dell’esterno delle automobili.

La auto nuove che si vedono nelle concessionarie sono state lucidate dalla casa costruttrice, un lavoro fatto da professionisti con macchinari dedicati. Ma anche una lucidatura effettuata da un privato, con i prodotti adeguati e non troppo aggressivi, può restituire splendore e brillantezza alla vernice della macchina.

La vernice e composta da due diversi strati: la base e il trasparente, quest’ultima è la parte più superficiale sulla quale si interviene.

Ogni quanto fare la lucidatura dell’auto

Lavare l’automobile almeno una volta ogni 30-40 giorni è utile per eliminare i danni causati dagli agenti atmosferici, dalle resine degli alberi o altri elementi corrosivi, oppure per controllare graffi accidentali e segni sulla carrozzeria. La pulitura però non è sufficiente, e ogni 4-6 mesi sarebbe opportuna una lucidatura dell’auto per assicurare un aspetto lucido e brillante, ma soprattutto per proteggere la carrozzeria.

Graffi, aloni, incisioni, piccoli difetti di produzione, ossidazione causano la frammentazione della luce anziché lasciarla passare direttamente attraverso lo strato di trasparente, causando la perdita della lucentezza e dell’intensità. Bisogna prestare attenzione anche ai swirls, graffi molto sottili e superficiali sulla vernice, che solitamente vengono causata dal lavaggio d’auto nelle aree di servizio, con setole e prodotti troppo abrasivi. Cere, sigillanti e molti glaze non rimuovono permanentemente queste imperfezioni di superficie, ma solo temporaneamente, perciò per eliminarle in modo sicuro e definitivo, bisogna lucidare la superficie.

Consigli sulla lucidatura auto a mano

La lucidatura auto manuale assicura un buon risultato ma bisogna pianificare dei trattamenti professionali. Il prelavaggio con acqua calda è sempre consigliato per eliminare lo sporco più visibile, residui di animali come insetti e moscherini sul parabrezza o sui fari dell’auto. E’ opportuno lavorare su piccole superfici, procedendo dalle parti alte dell’autovettura verso il basso, a partire da quelle più danneggiate. Un trattamento completo di pulitura e lucidatura dell’auto professionale richiede almeno 3-4 ore di lavoro.

I passaggi fondamentali per garantire una buona lucidatura sono la pulizia, decontaminazione, applicazione compound/polish, finitura con sigillante/cera.

Sono necessari alcuni accessori come il sapone per auto, una spugna morbida, un panno in microfibra per l’asciugatura e uno per la finitura, diversi tamponi di taglio diverso, panni di cotone morbido per evitare la lanugine, prodotti per lucidare l’auto. Dopo avere steso sull’applicatore una piccola quantità di prodotto, va distribuito velocemente con movimenti circolari e poi, lavorando da destra a sinistra e dall’alto verso il basso, va distribuito in modo uniforme con lentezza e pressione moderata, fino al completo assorbimento. Bisogna rimuovere eventuali residui con un panno in microfibra. In controluce, aiutandosi con una torcia, verificare eventuali aloni e ripassate il panno.

Parcheggiate il veicolo all’ombra per evitare macchie e aloni che derivano dal metallo caldo quando asciuga troppo in fretta. Prima di lucidare l’auto è sempre necessario pulirla accuratamente. Residui di polvere o granelli, infatti, possono danneggiare la carrozzeria, ma anche detergenti troppo aggressivi o spugne eccessivamente dure. L’autovettura va poi asciugata con cura e passata con la clay bar che rimuove tutte le impurità presenti sulla vernice non visibili, a occhio nudo. La decontaminazione può essere effettuata ogni qual volta passando la mano sulla carrozzeria, la superficie risulti irregolare.

Alcune parti del veicolo non devono essere trattate, ad esempio i fari e le guarnizioni. L’ultimo passaggio è la vera e propria lucidatura che può avvenire in due fasi: prima l’applicazione di prodotti chimici abrasivi per la riparazione di segni di ossidazione, aloni e swirls, poi un prodotto cerante di finitura o sigillante.

I prodotti per lucidare l’auto in commercio sono diversi e di marche disparate e non è facile orientarsi sul mercato. Un buon automobilista avrà a disposizione almeno tre prodotti: un buon polish, leggermente abrasivo; un compound, più aggressivo; infine un polish a base di cera o un sigillante di finitura. Ogni vernice è diversa e le condizioni ambientali influiscono pesantemente sullo stato dell’autovettura, per cui la conoscenza del mezzo e l’esperienza accumulata, sono i primi fattori da tenere in considerazione nella scelta dei prodotti.

Sono in commercio kit completi per la lucidatura e la protezione della carrozzeria dell’automobile oppure prodotti singoli: polish per la finitura dei trasparenti, paste di lieve o medio potere abrasivo per rimuovere graffi, segni del carteggio, polish a base di cera per fare piccoli ritocchi e far risplendere la carrozzeria. Il consiglio è di partire da un polish poco aggressivo, aumentandone la forza, gradualmente, se necessario. Le sostanze chimiche o le particelle del polish rimuoveranno in maniera sicura le sottili imperfezioni.

Consigli sulla lucidatura auto con lucidatrice

Se la vernice è molto rovinata, se l’autovettura è lavata raramente o si viaggia in ambienti contaminati, ad esempio da smog, sale marino, polveri inquinanti, conviene utilizzare una lucidatrice elettrica. In questo caso la lucidatura rotativa automatica è simile a quella manuale, bisogna solo scegliere il tampone che abbia la stessa abrasività del polish utilizzato.

I vantaggi di una lucidatrice sono numerosi, grazie all’azione meccanica ed elettrica, le particelle di polish vengono applicate in maniera più uniforme per tutta la durata delle operazioni. La lucidatrice è in grado di assicurare una corretta stesura del polish, perché lavorando ad alta velocità la pasta viene scaldata con maggiore efficacia ed è più semplice distribuirla con uniformità. Utilizzate poco prodotto, perché una quantità eccessiva di polish causa opacizzazione.

Evitando di procedere manualmente, sicuramente impiegherete meno tempo e fatica, potete trattare superfici molto ampie e particolarmente deteriorate, ottenendo un risultato durevole nel tempo.

Anche in questo caso prima di lucidare la carrozzeria dell’auto con la lucidatrice è importante che questa venga accuratamente lavata e asciugata. La lucidatrice va assecondata nel suo movimento oscillatorio sulla carrozzeria.

Un altro aspetto favorevole della lucidatura professionale con la lucidatrice è la pressione che viene applicata costantemente, in base alla velocità e alla potenza del dispositivo. Con la lucidatura manuale è impossibile applicare con costanza la pressione nella stesura su tutta la superficie della vettura.

Anche in questo caso, dopo aver passato il polish in maniera meccanica, è consigliabile terminare il tutto con la cera protettiva.

Fate attenzione a lavorare in sicurezza perché le lucidatrici rotative abbinate ad un tampone in microfibra o in lana, agiscono con efficacia nella rimozione di difetti medi e medio-gravi, ma richiedono manualità ed esperienza. La forza di taglio e la tendenza a scaldare molto il supporto trattato, possono produrre con facilità ologrammi, swirls, e la scopertura della base verniciante, il cui unico rimedio è la riverniciatura del pezzo danneggiato.

Se vi rivolgete a un’officina attrezzata per un lavaggio professionale, dovete mettere a preventivo costi che possono superare i 100,00 euro.

Scopri subito quanto puoi risparmiare sulla polizza auto: è veloce e senza impegno

Curiosità


Ci trovi anche su
Linear Assicurazioni, società di Unipol Gruppo Finanziario S.p.A., P.IVA 04260280377