Ania: un italiano su cinque non usa la cintura di sicurezza

29 Apr , 2016  

Con l’obbligo di utilizzo dal 1988 – esteso anche a pullman e camion dal 2006 – la cintura di sicurezza è un’amica/nemica degli Italiani, considerata spesso un’imposizione delle autorità e non un sistema per la propria sicurezza in strada. Ma non solo. Secondo un’indagine effettuata dalla Fondazione Ania, un italiano su cinque non la usa, e i numeri crescono sensibilmente se si prendono in considerazioni tragitti brevi e aree urbane ‘a bassa velocità’ dove l’utilizzo della cintura non è considerato fondamentale dai guidatori. Basta però analizzare i dati relativi agli incidenti per rendersi conto delle diverse ripercussioni fisiche tra chi aveva o no la cintura

Per quanto riguarda i passeggeri sui sedili posteriori le percentuali di non utilizzo crescono ancora: il 52% degli italiani (con punte del 60% nelle aree del Centro-Sud) non indossa mai la cintura di sicurezza quando è seduto dietro.

I dati Ania indicano che il mancato utilizzo delle cinture di sicurezza sui sedili posteriori è senza dubbio l’infrazione più diffusa tra gli automobilisti italiani. Seguono il mancato rispetto dei limiti di velocità e la guida distratta.

E quel fastidioso segnale acustico che induce ad allacciare le cinture ormai onnipresente sulle nuove vetture attualmente in circolazione? Pur riscontrando un miglioramento dei risultati ottenuti, i dati indicano che una persona su 3 lo disattiverebbe se ne avesse la possibilità, e sono in molti ad aver cercato qualche escamotage per raggirare il sensore, spesso inutilmente.

Condividi
Share on FacebookTweet about this on Twitter

Viaggiare in sicurezza


Ci trovi anche su
Linear Assicurazioni, società di Unipol Gruppo Finanziario S.p.A., P.IVA 04260280377