Cellulare alla guida, conseguenze fatali

13 Dic , 2018  

Le distrazioni al cellulare causano divertenti cadute, ma quando siamo alla guida le conseguenze possono essere fatali. Ecco quali sono i rischi e come evitarli

Riuscire a fare due cose contemporaneamente per molti di noi è un vanto, perché sia ha l’illusione di essere più produttivi e magari risparmiare tempo. Inviamo un’email mentre guardiamo la TV, scriviamo un SMS mentre camminiamo, controlliamo la cottura della pasta mentre parliamo al telefono.

La capacità di fare due cose allo stesso tempo si chiama multitasking e molto spesso uno dei protagonisti di questo binomio è il cellulare. Mentre siamo alle prese col telefonino facciamo qualunque cosa, come se fosse una cosa normale. Quando usiamo lo smartphone mentre siamo alla guida, però, le conseguenze possono essere disastrose.

  • Sempre al cellulare: il risvolto comico

I piccoli e divertenti disastri legati all’uso del cellulare

  • Cellulare alla guida: il risvolto drammatico

Ecco le fatali conseguenze delle distrazioni alla guida causate dallo smartphone

  • Liberarsi dalle distrazioni da cellulare al volante

Scopri le tecnologie presenti e future per evitare la distrazione del cellulare alla guida

Sempre al cellulare: il risvolto comico

Possiamo scordare le chiavi di casa, l’ombrello quando smette di piovere o un documento importante rimasto per errore sulla scrivania, ma quello che non dimentichiamo mai quando usciamo di casa è il nostro telefonino.

Si muove sempre con noi e ci segue dovunque, per connetterci col mondo, rimanere aggiornati sulle novità o semplicemente per distrarci con un video online, magari per ingannare le attese alla fermata dell’autobus o mentre siamo in fila alla posta.

I problemi cominciano quando pretendiamo di usare lo smartphone mentre stiamo facendo qualcos’altro. Sono numerosissimi i video umoristici che girano in rete di persone che camminano per strada mentre digitano un messaggio e le conseguenze sono davvero comiche.

I più fortunati vanno semplicemente ad urtare contro un palo, ma non è raro vedere anche delle rovinose cadute di chi travolge inavvertitamente un ostacolo. I più sbadati fanno addirittura un tuffo nelle acque di una fontana cittadina.

Se siamo così bravi col multitasking, perché accadono queste cose? La verità è che solo quando ci concentriamo su un’attività riusciamo a dare il 100%, e magari anche evitare qualche figuraccia epica e un bernoccolo.

Quando siamo al cellulare la nostra attenzione è totalmente catalizzata dal messaggio che stiamo scrivendo, dalla lettura di un’email o quel video che ci è stato consigliato da un amico. Nonostante la buona volontà, quando cerchiamo di fare qualcos’altro mentre siamo presi dal cellulare, i disastro è assicurato!

Cellulare alla guida: il risvolto drammatico

Abbiamo visto le conseguenze comiche dell’abitudine di camminare per strada mentre stiamo utilizzando il cellulare. Eppure camminare è una cosa semplicissima e ognuno di noi lo fa in modo automatico, confidando di riuscire a schivare gli ostacoli individuati con la coda dell’occhio.

Cosa accade se invece di camminare stiamo facendo qualcosa di più complicato, come guidare? Qualcuno probabilmente obbietterà che con l’esperienza anche la guida diventa qualcosa di naturale, che facciamo quasi in automatico.

È senza dubbio vero che cambiare le marce, gestire i pedali e muovere lo sterzo, diventano facili con l’esperienza, perché si tratta di azioni ripetitive che vanno solo combinate in base al percorso da seguire.

A cambiare tutte le volte è ciò che accade al di fuori dall’abitacolo. Bambini che attraversano improvvisamente la strada, una frenata brusca del veicolo che ci precede o anche un camion in manovra che invade la corsia di marcia.

Prevedere tutte queste azioni è impossibile, ma per evitare incidenti è sufficiente tenere gli occhi sempre fissi sulla strada e dedicarci solo alla guida. Solo quando vediamo in tempo un ostacolo riusciamo a rallentare o semplicemente evitarlo.

Cosa accade, invece, se mentre guidiamo siamo impegnati a digitare un messaggio o ci distraiamo per vedere il numero o il nome di chi ci sta chiamando? In effetti succede la stessa cosa di chi è preso dal cellulare mentre cammina: travolge ostacoli, sbatte e si accorge dei pericoli solo dopo che è finito a terra.

Ovviamente alla guida le condizioni sono ben diverse, perché non conduciamo semplicemente il nostro corpo, ma un veicolo molto più pesante che si muove ad una certa velocità e può fare danni enormi se va a schiantarsi contro qualcuno o qualcosa.

Guidare distratti dal cellulare è come mettersi al volante bendati e sperare che non accada niente di brutto. Chi guida la macchina ha una grossa responsabilità, perché una distrazione di pochi secondi può avere conseguenze fatali, sia per chi viaggia all’interno del veicolo sia per chi si trova in strada o sugli altri mezzi.

Se le distrazioni al volante sono così pericolose, perché sono così tante le persone che ogni giorno armeggiano col cellulare mentre sono alla guida? Purtroppo è un problema che viene sottovalutato e lo smartphone esercita su di noi un’attrazione molto difficile da vincere.

Liberarsi delle distrazioni da cellulare al volante

Mettere da parte le distrazioni da cellulare al volante è quindi un atto di responsabilità verso noi stessi e le altre persone. Non è facile stare lontano dal cellulare, ma quando la posta in gioco è la vita stessa, diventa un dovere imprescindibile.

Oggi anche la tecnologia ci dà una mano e le stesse automobili riescono a connettersi col cellulare, navigare con le mappe GPS, leggere i messaggi ricevuti e gestire le chiamate in entrata direttamente dal display. Chi non possiede una vettura così evoluta, può comunque dotarsi di alcuni dispositivi altrettanto efficaci.

Uno dei questi è l’auricolare, un semplicissimo device dotato di microfono che ci permette di parlare mentre guidiamo, ma senza togliere gli occhi dalla strada. L’unica raccomandazione in questo caso è usare l’auricolare solo in un orecchio e ridurre la durata delle conversazioni.

Sebbene l’auricolare sia un ottimo strumento per telefonare alla guida e avere entrambe le mani sul volante, ogni chiamata è comunque un elemento di distrazione che abbassa il livello di concentrazione del guidatore.

Un altro device molto utile è il vivavoce, che ha gli stessi vantaggi dell’auricolare, ma in più permette di diffondere la voce dell’interlocutore nell’abitacolo, senza dover tenere l’auricolare all’orecchio.

Questi sono solo i dispositivi più semplici, ma è facile prevedere che in un futuro prossimo sarà disponibile una tecnologia sempre più efficace per ridurre le distrazioni alla guida dovute al cellulare.

Gli assistenti vocali, ad esempio, sono in costante miglioramento ed è probabile che non dovremmo aspettare molto perché riescano a gestire sia le nostre chiamate che i messaggi. Poter leggere e scrivere messaggi senza usare le mani, sarebbe un modo straordinario per liberare la nostra voglia di comunicare, anche alla guida e in tutta sicurezza.

Sono passati appena 20 anni da quando i cellulari sono entrati nelle nostre vite, ma ora sta a noi usare con intelligenza queste invenzione rivoluzionaria, soprattutto quando ci mettiamo al volante della nostra auto. La sicurezza sulle strade dipende solo da noi.

Condividi
Share on FacebookTweet about this on Twitter

Viaggiare in sicurezza


Ci trovi anche su
Linear Assicurazioni, società di Unipol Gruppo Finanziario S.p.A., P.IVA 04260280377