Come controllare la copertura assicurativa di un’auto

22 Feb , 2019  

Bastano pochi minuti per verificare la copertura assicurativa. Scopri come fare online o con le app e perché è così importante controllare la copertura RCA

Quando ancora esisteva l’obbligo di esporre il contrassegno assicurativo, bastava dare un’occhiata al parabrezza per verificare la copertura assicurativa e la scadenza della polizza. Anche oggi è possibile effettuare questa verifica, ma la procedura è cambiata ed è molto più tecnologica.

Oggi basta conoscere il numero di targa di un veicolo per scoprire se è assicurato o meno. Lo strumento più utilizzato per questo controllo è il web, ma alcune app per smartphone offrono un servizio molto simile. Vediamo allora in che modo si può controllare la copertura RCA e perché è così importante.

Tutte le procedure per verificare la copertura RCA, online o tramite app

Cosa fare se il controllo riguarda un veicolo immatricolato all’estero

Quando e perché si dovrebbe effettuare la verifica

Multe e sanzioni per chi non rispetta le norme assicurative


Controllare la copertura assicurativa online

Chi si mette alla guida senza alcuna copertura RC Auto si espone al rischio di severe sanzioni, infatti il Codice della Strada prende molto sul serio l’evasione assicurativa e non è molto indulgente con i furbetti che non si mettono in regola con quest’obbligo.

Se si vuole effettuare la verifica in merito alla copertura della polizza assicurativa, è sempre meglio usare come riferimento delle fonti ufficiali. Lo strumento più affidabile per controllare l’esistenza e la validità delle polizze è il Portale dell’Automobilista, un sito web offerto dal Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti.

In questo portale ogni conducente può utilizzare vari servizi, come controllare il saldo punti della patente oppure verificare la revisione degli autoveicoli. Il Portale dell’Automobilista permette di effettuare anche il controllo della copertura assicurativa.

Per fare il controllo non occorre essere registrati al portale ed è sufficiente conoscere la tipologia di veicolo e il numero di targa. In pochi secondi il sistema estrapola le informazioni dalla banca dati ufficiale e l’utente può subito sapere:

  • Il nome della compagnia assicuratrice;
  • La data di scadenza dell’assicurazione;
  • Se il veicolo è assicurato o meno.

Sono le stesse compagnie assicuratrici ad aggiornare la banca dati in tempo reale, così le informazioni sono sempre attendibili. Con questo strumento si può verificare la copertura assicurativa del proprio veicolo oppure di un’altra vettura.

Il controllo della copertura RCA non si può fare solo online, infatti esistono anche altri strumenti tecnologici da usare per lo stesso scopo. Tra le varie app per smartphone, alcune permettono di ottenere le stesse informazioni che abbiamo visto sul Portale dell’Automobilista.

Tra le tante app possiamo segnalare Infotarga, che permette anche di salvare in calendario la data prevista per il rinnovo della polizza, oppure Scanner Veicoli, che restituisce molti altri dati, come le informazioni relative al pagamento del bollo auto.

Il Portale dell’Automobilista e le app sono stati creati per restituire i dati relativi alla validità della copertura assicurativa standard, mentre non è possibile sapere se un automobilista ha stipulato delle garanzie accessorie, come ad esempio la polizza furto e incendio.

Tutti questi strumenti che abbiamo menzionato, possono verificare solo i dati relativi ai veicolo con immatricolazione italiana. Per i mezzi con targa estera la procedura da seguire per il controllo è un’altra. Scopriamo di cosa si tratta!

Controllare la copertura assicurativa di un veicolo straniero

I veicoli immatricolati all’estero non si trovano nella stessa banca dati di quelli italiani, quindi per il controllo della copertura RCA si deve procedere in modo diverso. L’ente a cui fare riferimento è la CONSAP, Concessionaria Servizi Assicurativi Pubblici.

La procedura non è rapida come quella che abbiamo visto in precedenza, ma bisogna inviare una vera e propria richiesta tramite email. Per farlo occorre scaricare l’apposito modello, stamparlo, compilarlo in ogni sua parte con i dati personali e quindi inviarlo insieme ad una copia dei documenti d’identità all’indirizzo centroinformazioni@pec.consap.it oppure all’indirizzo richieste.centro@consap.it.

In questo caso serviranno dei giorni per avere una risposta, ma il servizio è totalmente gratuito e può rivelarsi molto utile per scoprire se un veicolo estero è coperto da assicurazione di responsabilità civile o meno.

Bisogna tenere presente che la banca dati della CONSAP contiene solo le informazioni dei veicoli immatricolati nell’Unione Europea. Per i veicoli extracomunitari si applica invece la regola della presunzione di copertura assicurativa, ma non esiste una specifica modalità per fare la verifica.

In quest’ultimo caso sarà necessaria la collaborazione da parte del proprietario del veicolo estero, soprattutto in caso di incidente stradale.

Perché verificare la copertura RCA

Abbiamo visto quali sono i metodi da usare per sapere se abbiamo davanti un veicolo assicurato o meno, ma perché questo controllo è così importante?

La necessità della verifica è legata innanzitutto alla necessità di tutelarsi da eventuali truffe assicurative. Se il contraente della polizza ha dei dubbi in merito all’onestà e affidabilità di una compagnia assicurativa o un broker e ha già pagato il premio assicurativo, può verificare se sia effettivamente coperto per i danni legati alla circolazione stradale.

Anche se si tratta di un’ipotesi piuttosto remota, se emerge qualche perplessità dopo aver già firmato il contratto di assicurazione, è sempre meglio eliminare ogni dubbio con la verifica online. Nell’eventualità che il veicolo risulti scoperto, è bene contattare l’assicuratore e chiedere spiegazioni.

La copertura assicurativa è obbligatoria e anche se il contraente è stato truffato, può comunque essere sanzionato per il mancato adempimento dei suoi obblighi.

Un altro motivo che rende necessario verificare la copertura RCA è l’ipotesi dell’incidente. Chi è stato coinvolto in un sinistro, può subito sapere se gli altri veicoli siano assicurati o meno e conoscere anche la compagnia assicurativa della controparte.

Con queste informazioni è più facile chiedere il risarcimento danni, soprattutto quando non ci sono le condizioni per un indennizzo diretto.

Cosa rischia chi viaggia senza assicurazione

Il conducente che si mette al volante senza aver assicurato il proprio veicolo, rischia multe salate e il sequestro del mezzo. Grazie a questi strumenti tecnologici di cui abbiamo parlato, oggi è molto facile smascherare i furbetti.

È l’articolo 193 del Codice della Strada a prevedere le sanzioni e le multe partono da 841€ e possono arrivare anche a 3.366€. Visto che le sanzioni sono così severe, è molto più economico stipulare un contratto di assicurazione.

Oltre alla sanzioni pecuniarie, il trasgressore rischia anche il sequestro del veicolo e i recidivi pagano delle sanzioni pari al doppio rispetto a quelle normalmente previste.

È necessario quindi dedicare qualche minuto alla verifica della copertura assicurativa ed essere in regola prima ancora di mettersi in marcia a bordo del proprio mezzo.

Scopri subito quanto puoi risparmiare sulla polizza auto: è veloce e senza impegno

Condividi
Share on FacebookTweet about this on Twitter

Assicurazioni


Ci trovi anche su
Linear Assicurazioni, società di Unipol Gruppo Finanziario S.p.A., P.IVA 04260280377